Life Climax Po e l’agricoltura conservativa per una gestione sostenibile del suolo

Gli eventi in programma per il 2024

È iniziata la stagione degli eventi formativi dedicati all’agricoltura conservativa, un approccio fondamentale per migliorare la salute del suolo e aiutare a mitigare il cambiamento climatico.

Questi incontri, promossi da Ersaf (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste), in collaborazione con il Cmcc (Centro euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici) e l’Adbpo (Autorità di Bacino Distrettuale del Fiume Po, mirano a diffondere pratiche che riducono il disturbo del suolo, promuovono la copertura permanente con residui colturali e l’utilizzo di rotazioni e diversificazioni colturali.

Alcune aziende modello individuate sul territorio sono coinvolte attivamente nella formazione degli agricoltori. I corsi, le giornate dimostrative e le visite a casi studio sono rivolti non solo agli agricoltori e ai tecnici, ma anche a studenti e altri stakeholder interessati a imparare e condividere esperienze dirette.


I temi: dalla semina su sodo alle cover crops

Durante gli eventi sul campo, i partecipanti possono peraltro immergersi nei principi della gestione conservativa del suolo, ascoltare le testimonianze dei colleghi agricoltori, ricevere supporto tecnico e formativo, e osservare da vicino le pratiche agricole tipiche, come la semina su sodo, la minima lavorazione e la gestione delle cover crops, unitamente alla crescita delle colture in campo e al suolo che le ospita.

I primi tre eventi si sono tenuti il 03 aprile a Carpenedolo (BS), il 05 a Leno (BS) e il 22 a Ghedi (BS) presso l’azienda agricola Cascina San Lorenzo. Ulteriori incontri sono previsti nei prossimi mesi in diverse località, tra cui Piacenza, Capriata d’Orba, Offlaga, Orzinuovi, Gambolò e presso le Università di Pisa e Udine.

Alcune aziende selezionate parteciperanno a una fase successiva del progetto, valutandol’impatto delle pratiche di agricoltura conservativa su indicatori chiave come rese colturali e livelli di carbonio nel suolo, considerando varie condizioni pedoclimatiche e strategie aziendali, anche in prospettiva di cambiamenti climatici futuri.

L’obiettivo è comprendere il ruolo dell’agricoltura conservativa nella mitigazione dei cambiamenti climatici.

>> Contatto di riferimento: elisa.tagliaferri@ersaf.lombardia.it << 


 

Gli appuntamenti 2024

Scopri i prossimi appuntamenti e partecipa anche tu!

  • 3 aprile – Carpenedolo (BS)
  • 5 aprile –  Leno (BS)
  • 22 aprile – Ghedi (BS)
  • 24 maggio 2024 –  Azienda Agricola Motti, Orzinuovi (BS)  [Scarica il programma]
  • 12 giugno – Capriata d’Orba (AL): ” Agricoltura conservativa e aziende modello: il caso studio di Cascina Romanengo” [Scarica il programma]